Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie. A Kingston stanno a cuore la vostra privacy e la sicurezza dei vostri dati. Consultate il nostro Regolamento sui cookie e le Disposizioni sulla privacy, in quanto entrambi i documenti sono stati aggiornati di recente.

Responsabilità sociale

Descrizione generale

Kingston Technology Company, Inc. profonde il massimo impegno nel condurre l'azienda secondo metodi responsabili sotto il profilo sociale e ambientale. Negli ultimi 24 anni, Kingston ha preservato la sua filosofia di base, incentrata sui valori primari dell'azienda: rispetto, lealtà, integrità, flessibilità e adattabilità, investendo notevoli risorse sui suoi dipendenti e creando un ambiente di lavoro amichevole e divertente. Questi valori fondamentali influenzano i nostri obblighi, apportando un contributo positivo nelle comunità in cui operiamo e supportando la tutela dell'ambiente.

Responsabilità sociale

I dipendenti Kingston sono la nostra risorsa più importante. Mettiamo a disposizione dei nostri dipendenti un ambiente di lavoro improntato su rispetto, sicurezza e salute, ovunque operiamo, utilizzando il sistema di gestione OHSAS 18001, per il quale abbiamo ottenuto la certificazione nel giugno 2004.

Nel campo della sicurezza, abbiamo implementato, presso tutti i nostri siti, una serie di misure finalizzate alla prevenzione degli infortuni, come la valutazione del rischio, corsi su salute e sicurezza, ed esercitazioni di emergenza. Sotto il profilo della tutela della salute, Kingston mette a disposizione del suo personale numerosi programmi finalizzati alla cura del benessere. Tra i programmi offerti figurano corsi sulla salute tenuti da medici specializzati, programmi di fitness e newsletter aventi come tema salute e benessere.

Kingston profonde il massimo impegno nel preservare una cultura aziendale improntata al rispetto e alla valorizzazione della diversità. Trattiamo tutti i nostri dipendenti in modo equo, in tutti gli aspetti della vita professionale, senza alcuna discriminazione di razza, colore, nazionalità, origini di provenienza, religione, stato civile, orientamento sessuale dichiarato o percepito, età, disabilità fisiche o mentali, condizioni familiari, stato di reduce o condizioni mediche particolari, incluse le caratteristiche genetiche. Kingston proibisce qualunque forma di discriminazione o molestia sia negli ambiti succitati, sia in qualunque altro ambito contemplato da forme di tutela legale.

Kingston profonde il massimo impegno nel tutelare i diritti dei suoi dipendenti in tutto il mondo, sia nell'ambito delle regole che in quello dell'applicazione pratica. Tutti i siti Kingston operano in totale conformità con tutte le normative locali sul lavoro, incluse quelle relative a età lavorativa minima, ore lavorative, straordinario, salari e benefit. Tutti i nostri dipendenti sono assunti su base volontaria e sono liberi di associarsi.

Minerali dei conflitti

Kingston condivide le preoccupazioni dei suoi clienti, assicurandosi che le fonti di approvvigionamento dei minerali utilizzati nei suoi processi produttivi non siano legate a conflitti. I cosiddetti "minerali dei conflitti" identificano alcuni tipi di minerali detti “3TG” (stagno, tantalio, tungsteno e oro), estratti in paesi in cui sono in atto conflitti armati e violazioni dei diritti umani. Il nostro impegno concreto verso questo fenomeno include un approccio basato su due fasi.

Il nostro impegno concreto verso questo fenomeno include un approccio basato su due fasi.

1) Kingston ha attuato una serie di misure atte a garantire che i materiali acquistati per i processi produttivi che comportano l’uso di minerali non contengano alcun minerale proveniente da aree di conflitto. Kingston possiede garanzie scritte da parte di tutti i suoi fornitori di leghe metalliche, in cui tali fornitori dichiarano che tutti i materiali composti da leghe metalliche utilizzati nei processi di produzione dei prodotti Kingston non provengono da paesi o regioni geografiche in cui esistono violazioni dei diritti umani.

2) Kingston sta inoltre collaborando con la catena di approvvigionamento al fine di garantire che i componenti acquistati e utilizzati per i prodotti dell'azienda siano esenti da materiali contenenti minerali dei conflitti. Kingston richiede inoltre a tutti i suoi fornitori di supportare attivamente il suo impegno in tal senso, mentre l'azienda è coinvolta in un'incessante azione di raccolta dei dati e delle prove necessari, come parte integrante dei processi di due diligence.

Responsabilità verso l'ambiente

Kingston sta dando il suo contributo in qualità di azienda eco-responsabile. Nel giugno del 2004, Kingston ha ottenuto la certificazione ISO 14001, che indica linee guida in materia di tutela ambientale. La nostra azienda opera in maniera più sensibile verso l'ambiente, con l'obiettivo di minimizzare le emissioni di CO2, e promuovendo la conoscenza del nostro impegno in tal senso attraverso la partecipazione al Carbon Disclosure Project. Dato che la fonte primaria di emissioni di CO2 nei nostri stabilimenti è rappresentata dall'energia consumata, stiamo studiando nuovi metodi per ridurre l'uso dell'energia.

Stiamo anche potenziando i nostri sforzi nell'ambito del riciclo presso tutti i nostri stabilimenti, nel tentativo di riciclare la maggior parte degli scarti generati dai nostri processi. Kingston è il primo produttore di memorie ad aver lanciato un programma di riciclo per i clienti residenti negli Stati Uniti.

Kingston sta attuando scelte intelligenti e responsabili anche nell'uso degli imballaggi, ricorrendo a materiali ecocompatibili e ideando nuovi metodi per incrementare l'uso di materiali riciclati post consumo.

Community

Kingston è consapevole del suo ruolo in qualità di Cittadino Globale e pertanto profonde grande impegno nel promuovere cambiamenti positivi quando possibile. Grazie al contributo dei suoi dipendenti, Kingston opera per il miglioramento delle comunità in cui opera, dato il suo contributo alle banche alimentari, co-sponsorizzando eventi di beneficenza e donando attrezzature per fini educativi alle scuole.

Kingston Technology ha fatto condurre un audit sulle emissioni ad un'azienda esterna, per misurare i valori di biossido di carbonio generati presso gli stabilimenti di Orange County. I risultati dell'audit hanno indicato che la maggior parte delle emissioni di GHG rilevati provengono da emissioni indirette derivanti dall'elettricità acquistata (99,5165%), mentre solo la restante parte del totale (0,4889%) è causata da emissioni dirette generate dai veicoli e dai processi produttivi dell'azienda. I calcoli sono stati effettuati mediante le metodologie IPCC e USEPA. I dati si riferiscono al periodo compreso tra l'1/1/09 e il 31/12/09, per tutti i siti indicati nel presente documento.

Le tematiche legate all'ambiente diventeranno parte integrante dei principi di condotta e pratica professionale, nonché di quelli legati all'etica, che tutti i professionisti che lavorano per Kingston Technology adotteranno in seno all'azienda.

Carbon Disclosure Project

Kingston Technology ha commissionato un audit sulle emissioni ad un'azienda esterna, per misurare i valori di biossido di carbonio generati presso gli stabilimenti di Stati Uniti, Taiwan, Cina e Regno Unito. I risultati dell'audit hanno indicato che la maggior parte delle emissioni di GHG rilevate sono di tipo indiretto, derivanti dall'elettricità acquistata (99.56%), mentre solo la restante parte del totale (0,44%) è causata da emissioni dirette generate dall'uso dei veicoli e dai processi produttivi dell'azienda. I calcoli sono stati effettuati mediante le metodologie IPCC e USEPA. I dati si riferiscono al periodo compreso tra l'01/01/2017 e il 31/12/2017, per tutti i siti indicati nel presente documento.

Ogni anno Kingston pone il massimo impegno al fine di migliorare qualità e quantità dei dati ottenuti.

Stabilimento Kingston USA
Tipologie di emissioni Fonte Volume emissioni di CO2 (in tonnellate) - 2017
Dirette Veicoli aziendali 9,76
Indirette Energia elettrica acquistata da terzi 2,18 (migliaia)
Stabilimento Kingston di Taiwan
Tipologie di emissioni Fonte Volume emissioni di CO2 (in tonnellate) - 2017
Dirette Veicoli aziendali 0,01
Indirette Energia elettrica acquistata da terzi 7,55 (migliaia)
Stabilimento Kingston di Shanghai
Tipologie di emissioni Fonte Volume emissioni di CO2 (in tonnellate) - 2017
Dirette Veicoli aziendali 78,51
Indirette Energia elettrica acquistata da terzi 10,01 (migliaia)
Stabilimento Kingston del Regno Unito
Tipologie di emissioni Fonte Volume emissioni di CO2 (in tonnellate) - 2017
Dirette Veicoli aziendali 0,00
Indirette Energia elettrica acquistata da terzi 0,18 (migliaia)
Utilizzo dell'acqua

Il consumo totale d'acqua degli stabilimenti di Kingston Technology ammonta a 106,85 megalitri, con un leggero incremento rispetto ai risultati del 2016 (totale di tutti i siti globali per l'anno di riferimento 2017). Circa il 10% dei processi produttivi di Kingston richiede l'uso di acqua. La maggior parte dell'acqua viene utilizzata per la manutenzione di impianti e infrastrutture, servizi di pulizia e per il personale.

Rifiuti solidi

Nell'anno solare 2017, gli stabilimenti Kingston Technology hanno prodotto 3881,02 tonnellate metriche di rifiuti solidi. Tutti gli stabilimenti Kingston si affidano a organizzazioni certificate per il riciclaggio dei rifiuti generati dai nostri processi produttivi, inclusi quelli correlati a componenti passivi, DRAM, schede a circuiti stampati (PCB), materiali plastici e cartone. Kingston ricicla anche i rifiuti elettronici e quelli universali, minimizzando la quantità di rifiuti conferiti nelle discariche tradizionali. Nel 2016, Kingston (siti globali) ha impostato l'obiettivo di conseguire una riduzione del 10% del volume di rifiuti solidi entro il 4° trimestre del 2018. L'obiettivo è stato raggiunto nel 4° trimestre del 2017.

California Transparency in Supply Chains Act del 2010 (SB 657) & UK Modern Slavery Act del 2015

Kingston Technology Corporation e le sue consociate (collettivamente denominate "Kingston") condividono le preoccupazioni dei clienti, che chiedono garanzie sul fatto che i prodotti Kingston acquistati siano prodotti e venduti attraverso una catena di approvvigionamento che operi in conformità alle normative vigenti in materia di prevenzione della schiavitù, del lavoro coatto e del traffico di esseri umani. A tal fine, Kingston adotta misure atte a garantire che la catena di approvvigionamento diretta utilizzata per i beni materiali messi in commercio sia conforme alle normative vigenti in materia. In risposta alle norme del California Transparency in Supply Chains Act del 2010 (SB 657) e dell'UK Modern Slavery Act del 2015, Kingston ha adottato le seguenti misure:

Kingston si impegna ad eseguire la verifica delle catene di approvvigionamento dei prodotti al fine di valutare e prevenire potenziali casi di lavoro coatto, schiavitù o traffico di esseri umani. A tale scopo Kingston invia ai suoi fornitori diretti una serie di questionari di autovalutazione, le cui risposte vengono successivamente sottoposte a valutazione. A tale proposito si sottolinea che non viene eseguita alcuna verifica da parte di soggetti terzi.

Kingston effettua audit dei fornitori, finalizzati a valutare il livello di conformità di questi ultimi agli standard aziendali in materia di prevenzione del lavoro coatto, della schiavitù e del traffico di esseri umani nelle catene di approvvigionamento. Gli audit sono condotti e gestiti da personale Kingston appositamente addestrato. Il processo di auditing non prevede l'intervento di valutatori indipendenti o di altri soggetti terzi.

Kingston invia il suo Codice di condotta dei fornitori e una lettera di accettazione a tutti i fornitori diretti, chiedendo a questi ultimi di certificare che tutti i materiali utilizzati nei prodotti siano conformi alle norme vigenti in materia di prevenzione del lavoro coatto, della schiavitù e del traffico di esseri umani applicabili nel paese o nei paesi in cui tali fornitori operano.

Kingston è dotata di standard e procedure interne specifiche per la verifica dell'affidabilità di personale e appaltatori esterni che violano gli standard aziendali in materia di prevenzione del lavoro coatto, della schiavitù e del traffico di esseri umani.

I dipendenti e i dirigenti Kingston con responsabilità dirette in ruoli correlati alla gestione della catena di approvvigionamento ricevono formazione specifica in relazione agli elementi contenuti nella SB 657 del California Transparency in Supply Chains Act del 2010 e dell'UK Modern Slavery Act del 2015.

Kingston è un membro della Responsible Business Alliance, (precedentemente denominata Electronic Industry Citizenship Coalition (EICC)). Il codice di condotta adottato da Kingston è basato sul Codice di condotta della RBA, che riunisce un insieme di standard previsti per rispondere a problematiche di natura etica e sociale, vietando l'uso del lavoro forzato, obbligato, vincolato oltre al lavoro coatto nelle prigioni. Nella sua qualità di membro della RBA, Kingston si è impegnata ad allineare progressivamente le proprie procedure alle norme del Codice di condotta della RBA, supportando e incoraggiando i suoi fornitori e sub-fornitori a fare altrettanto. Kingston si è impegnata ad adottare un approccio incrementale, così da implementare il Codice di condotta della RBA nelle proprie procedure e nella catena di produzione.

Avvertenza “California Proposition 65”

“California Proposition 65” - originariamente nota come “The Safe Drinking Water and Toxic Enforcement Act of 1986,” è un’iniziativa promossa dagli elettori per gestire i rischi derivanti dalle sostanze chimiche potenzialmente tossiche. Questa disposizione autorizza i consumatori dello stato della California ad ottenere speciali avvertenze nel caso in cui un prodotto contenga sostanze chimiche che nello stato della California si ritiene possa essere causa di cancro, difetti di nascita o altri effetti pericolosi per l’apparato riproduttivo, qualora tali sostanze chimiche superino un determinato livello soglia. Un’avvertenza di questo tipo non implica affatto che il prodotto violi alcuna norma o standard di sicurezza sui prodotti.

Pertanto, sulla confezione di alcuni prodotti Kingston è possibile trovare la seguente indicazione:

AVVERTENZA: Questo prodotto contiene una sostanza chimica che nello stato della California si ritiene possa essere causa di cancro, difetti di nascita o altri effetti pericolosi per l’apparato riproduttivo.

L’informazione contenuta in questa pagina è stata pubblicata sul sito Web dell’OEHHA (Office of Environmental Health Hazard Assessment) della California ed aggiornata il 4 novembre 2015. Fare riferimento al sito web dell’OEHHA per eventuali ulteriori aggiornamenti sull’argomento. Consultare la pagina Web http://www.oehha.ca.gov/prop65.html

RBA (ex EICC)

Kingston Technology Company, Inc. ha annunciato che in data 15 Aprile 2016 è entrata a far parte del RBA (Responsible Business Alliance), precedentemente denominata EICC (Electronic Industry Citizenship Coalition), in qualità di “Applicant Member”.

RBA è l’associazione più estesa al mondo di società del settore elettronico, impegnate a sostegno dei diritti e del benessere dei lavoratori e delle comunità occupate nella catena di produzione globale nel settore dell’elettronica. Kingston approva e rispetta l’approccio complessivo dell’RBA e gli obiettivi che i suoi membri si sono prefissi insieme. In qualità di “Applicant Member” dell’RBA, Kingston è impegnata a sostenere la visione e la missione dell’RBA:

Visione dell'RBA

Un settore globale dell’elettronica che crea un valore sostenibile per i lavoratori, l’ambiente e le imprese.

Mission dell'RBA

I membri, i fornitori e ogni altro interessato collaborano per migliorare le condizioni ambientali e lavorative attraverso standard e pratiche all’avanguardia.

Il Codice di condotta dell’RBA raccoglie gli standard relativi alle tematiche sociali, ambientali ed etiche della catena di produzione globale nel settore dell’elettronica e - nella sua qualità di “Applicant Member” dell’RBA - Kingston si è impegnata ad allineare progressivamente le proprie procedure alle norme del Codice di condotta dell’RBA, supportando e incoraggiando i suoi fornitori di primo livello a fare altrettanto. Kingston si è impegnata ad adottare gli strumenti dell’RBA con un approccio incrementale, così da implementare il Codice di condotta dell’RBA nelle proprie procedure e nella catena di produzione.

Per ulteriori informazioni sull’RBA e sul modo in cui i suoi membri collaborano per l’avvento della sostenibilità nel settore dell’elettronica, visitare l’indirizzo Web: http://www.responsiblebusiness.org/

        Back To Top