Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie. A Kingston stanno a cuore la vostra privacy e la sicurezza dei vostri dati. Consultate il nostro Regolamento sui cookie e le Disposizioni sulla privacy, in quanto entrambi i documenti sono stati aggiornati di recente.
Consigli e configurazioni di avvio
PANORAMICA

Questo documento fornisce informazioni utili sulle impostazioni e sulla configurazione dell'unità Kingston DCP1000 NVMe Add In Card, fornendo una guida di consultazione per la configurazione dei drive DCP1000 NVMe in entrambi gli ambienti Linux e Windows.

Nel documento sono anche presenti i consigli utili alla configurazione dell'unità DCP1000 come drive di dati, con o senza un drive di avvio distinto in ambienti Linux e Windows.

DCP1000
CONFIGURAZIONE CONSIGLIATA: unità DCP1000 utilizzata come drive di dati

Le configurazioni più comuni vedono l'unità DCP1000 utilizzata come drive di dati e un drive distinto utilizzato come drive di avvio (in genere un drive SATA singolo o doppio). La configurazione che consigliamo prevede l'uso di un dispositivo di avvio distinto, con l'unità DCP1000 destinata a drive di storage primario. Questa configurazione permette di sfruttare al massimo le prestazioni e la capacità dell'unità DCP1000, senza contare che assicura il massimo vantaggio in termini di ROI per quanto attiene allo storage dei dati.

Configurazione consigliata:

Configurazione consigliata:

INSTALLAZIONE dell'unità DCP1000 con un drive di avvio SATA distinto
  1. Dopo aver installato la scheda DCP1000 nella scheda madre, accendere il sistema. Arrestare la procedura di avvio per entrare nella schermata di impostazione del BIOS (in genere il tasto CANC o F2).

  2. La scheda DCP1000 mostrerà 4 drive nel BIOS. Nel BIOS verrà visualizzato come drive disponibile anche il/i dispositivo/i SATA. Selezionare come drive di avvio primario uno qualsiasi dei drive SATA. Verificare che i drive NVMe dell'unità DCP1000 siano sempre visibili (aprire il menu Avvio/Boot o gli altri menu con impostazioni avanzate).

  3. Si consiglia di impostare le nuove installazioni come UEFI (non Legacy, a meno che la caratteristica Legacy non sia specificamente richiesta). La possibilità di scegliere tra UEFI e Legacy in genere si trova nel menu CSM, dovendo prima abilitare l'opzione CSM e quindi scegliere UEFI). L'opzione UEFI rappresenta la modalità operativa consigliata per l'unità DCP1000.

  4. Salvare le impostazioni BIOS e riavviare in caso siano state apportate delle modifiche.

Installazione SO:
  1. Dopo aver effettuato le impostazioni UEFI e aver visualizzato i drive SATA nel BIOS, procedere alla normale installazione del sistema operativo. Ad esempio, è possibile eseguire l'installazione da un drive USB. Il drive SATA verrà scelto come destinazione nelle fasi successive dell'installazione.

  2. Una volta che l'installazione del SO sarà terminata, assicurarsi che il drive SATA sia selezionato come drive primario per l'avvio nel BIOS. Il SO appena installato sarà così riavviato a partire dal dispositivo SATA.

CONFIGURAZIONE ALTERNATIVA: drive SSD dell'unità DCP1000 come drive di avvio

Alcuni clienti potrebbero voler utilizzare uno dei drive SSD dell'unità DCP1000 come drive di avvio primario; si tratta infatti di una confgurazione pur sempre possibile. Di seguito viene mostrata la procedura necessaria a configurare uno dei drive SSD NVMe dell'unità DCP1000 come dispositivo di avvio.

CONFIGURAZIONE ALTERNATIVA:

Installazione di uno dei drive SSD dell'unità DCP1000 come drive di avvio.
  1. Dopo aver installato la scheda DCP1000 nella scheda madre, accendere il sistema. Arrestare la procedura di avvio per entrare nella schermata di impostazione del BIOS (in genere il tasto CANC o F2).

  2. La scheda DCP1000 mostrerà 4 drive nel BIOS: è possibile utilizzare uno qualsiasi di questi drive come drive di avvio primario. Verificare che i 4 drive siano sempre visibili (aprire il menu Avvio/Boot o gli altri menu con impostazioni avanzate). Si tratta della stessa situazione che si verifica nel caso di avvio da drive SATA. Nel BIOS vengono visualizzati sia i drive NVMe che i drive SATA.

  3. Si consiglia di impostare le nuove installazioni come UEFI (non Legacy, a meno che la caratteristica Legacy non sia specificamente richiesta). La possibilità di scegliere tra UEFI e Legacy in genere si trova nel menu CSM, dovendo prima abilitare l'opzione CSM e quindi scegliere UEFI). L'opzione UEFI rappresenta la modalità operativa consigliata.

  4. Salvare le impostazioni BIOS e riavviare in caso siano state apportate delle modifiche.

Installazione SO:
  1. Dopo aver effettuato le impostazioni UEFI e aver visualizzato i drive dell'unità DCP nel BIOS, procedere alla normale installazione del sistema operativo. Ad esempio, è possibile eseguire l'installazione da un drive USB. Il drive NVMe (0, 1, 2 o 3 dell'unità DCP1000) verrà scelto come destinazione nelle fasi successive dell'installazione. Scegliere il drive NVMe che si desidera impostare come drive di avvio primario, e procedere con l'installazione in quello specifico drive. Procedere in modo analogo all'installazione del SO in un dispositivo SATA.

  2. Una volta che l'installazione del SO sarà terminata, assicurarsi che il drive NVMe sia selezionato come drive primario per l'avvio nel BIOS. I 3 drive rimanenti della scheda DCP1000 saranno disponibili come drive di dati o volumi di dati del SO.

        Back To Top